Cellule mesenchimali: l'asso nella manica nei trattamenti osteoarticolari

cellule mesenchimali
tendiniti
ginocchio
cartilagine
cellule staminali

Le cellule mesenchimali sono un valido alleato nei trattamenti di molti tipi di lesioni osteoarticolari. Si tratta di cellule indifferenziate e immature in grado di accelerare il processo di rigenerazione e guarigione in caso di tendiniti, artrosi, usura della cartilagine e lesioni muscolari. Ne parla il dottor Claudio Manzini, Responsabile dell’Unità Operativa di Ortopedia e Traumatologia I degli Istituti Clinici Zucchi a Monza, attivo nel settore della Medicina Rigenerativa da oltre 10 anni.

Cellule Mesenchimali: una nuova conquista della medicina

Le cellule staminali mesenchimali (MSC) sono cellule indifferenziate e immature normalmente contenute nel tessuto adiposo e nel midollo osseo del corpo umano. La loro peculiarità è di potersi “specializzare”, grazie a un procedimento di intelligenza biologica, trasformandosi nello stesso tipo di cellule con le quali entrano in contatto (cellule ospite). Per dirla con parole molto semplici, le MSC sono delle vere e proprie scatole di mattoncini con i quali “costruire” strutture cellulari specializzate e specifiche. Per questa loro capacità di adattamento e trasformazione, vengono definite “multipotenti”.

Il campo d’impiego delle MSC

Per quanto alcune recenti sperimentazioni, ancora non validate, suggeriscano che le cellule mesenchimali potrebbero trasformarsi anche in cellule nervose, epatiche o endoteliali, il loro campo di utilizzo, oggi, ha dimostrato la sua efficacia in ambito ortopedico, tanto da far nascere l’Ortopedia Rigenerativa. «Questo perché la capacità di specializzazione accertata delle cellule mesenchimali, è legata in modo particolare alla rigenerazione dei tessuti cellulari ossei, cartilaginei, tendinei e muscolari - spiega l’ortopedico. Oggi, con le cellule mesenchimali, è possibile trattare l’usura della cartilagine da artrosi, le patologie degenerative dei tendini e le lesioni muscolari da sport e non. Ottimi risultati si sono ottenuti anche nel trattamento dell’osteonecrosi della testa del femore, ovvero la morte degli osteoblasti, le cellule che danno origine all’osso, e nelle patologie della cuffia dei rotatori, per la spalla».

Il trattamento delle lesioni osteoarticolari con MSC

Il trattamento con le cellule mesenchimali è prevalentemente ambulatoriale e relativamente semplice. Si inizia prelevando dal paziente, in anestesia locale usando una speciale siringa, una sufficiente quantità di tessuto adiposo dalla pancia. Questo viene poi opportunamente ripulito e separato dal materiale di scarto per essere quindi inoculato nelle zone di interesse. «Il beneficio è rapido, perché l’azione delle MSC è quasi istantanea - commenta il dottor Manzini. Nei casi di artrosi al ginocchio, ad esempio, il paziente può iniziare a camminare già dopo mezz’ora dal trattamento, evitando però di svolgere attività pesanti o portare pesi, almeno nel primo giorno di trattamento.

Quando è indicato il trattamento con cellule staminali mesenchimali?

Non bisogna avere attese  miracolistiche e dobbiamo porre molta attenzione  alle false promesse di guarigioni miracolose.  Il trattamento non è indicato nelle patologie osteoarticolari degenerative in fase avanzata e nelle donne in fase post-menopausa perché nel loro tessuto adiposo ci sono meno MSC rispetto gli uomini.  Le cellule staminali mesenchimali da tessuto adiposo le uso già dal 2015 e finora abbiamo  ottenuto risultati molto più promettenti nell’artrosi di ginocchio rispetto all’artrosi dell’anca. Nell’anca l’utilizzo primario è per la necrosi della testa del femore. Nei casi che presentano una  importante alterazione della geometria articolare (es: ginocchio gravemente varo o valgo) l’impiego delle sole cellule staminali è assolutamente inutile, questo perché la causa lesiva principale, cioè la deformità dell'arto, permane e proseguirà la sua azione lesiva Diventa quindi fondamentale sottoporsi alla valutazione di specialisti qualificati, stando attenti ai “falsi profeti”.    

Sviluppi terapeutici futuri

L’utilizzo delle cellule staminali mesenchimali è una pratica relativamente recente ma la ricerca è molto attiva. «Pertanto - conclude l’esperto - non escludo che nel prossimo futuro vi possano essere ulteriori sviluppi terapeutici ».